Blog

bio dolcificanti

Dolcificanti naturali & co.

È solo una moda o c’è molto di più dietro al trend diffuso dei dolcificanti naturali?

Se ormai è chiaro che la moda del salutismo ha preso il sopravvento, è anche vero anche che c’è una maggiore coscienza su ciò che si consuma e una maggiore responsabilità verso la salute del proprio corpo.
Dai prodotti acquistati per uso domestico a quelli consumati fuori casa, tutto si muove intorno a un bisogno crescente di consumare prodotti naturali e che facciano bene al corpo. Una ricerca condotta da Nielsen su “Global Health and Ingredient-Sentiment” e “Global Out-of-Home Dining”, afferma che oltre 2 italiani su 3 si preoccupano degli ingredienti artificiali contenuti nei cibi e che la tendenza è quella di ritornare alle origini, cioè ad ingredienti essenziali (fonte: Nielsen).

Tra questi rientrano anche i dolcificanti. Lo zucchero bianco si sa, non fa proprio bene eppure ce lo ritroviamo ovunque: alza l’insulina e favorisce il diabete e non contiene alcun tipo di vitamina o minerale, apporta quindi calorie “vuote”. Per questo la necessità di trovare alternative più salutari e naturali è diventata ormai impellente. Vediamone alcuni che secondo noi possono essere validi.

Ma prima un piccolo vocabolario per imparare a leggere le proprietà di zuccheri e dolcificanti.

LO ZUCCHERO DI COCCO

Lo zucchero di cocco si ricava dalla linfa della palma da cocco, tipica dei litorali dei paesi tropicali e caldi. Questo nettare è prima bollito, quindi essiccato all’aria per formare la cristallizzazione dello zucchero, che è di colore marrone e ricco di una serie di importanti vitamine e minerali.

L’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite lo ritiene il dolcificante naturale più sostenibile del pianeta. Lo zucchero viene infatti ricavato e lavorato a mano dai contadini locali, che si arrampicano sugli alberi per raccogliere la preziosa linfa, bollita poi dalle donne dei villaggi e modellata in panetti.

Il sapore è aromatico e piuttosto fruttato, è dolce come lo zucchero di canna, ma conserva un leggero sentore di caramello. Poiché lo zucchero di cocco non è un prodotto raffinato, il sapore può differire in base alla specie di palma da cocco usata e in base al periodo in cui la linfa è stata estratta.

le caratteristiche per cui è noto sono:

  • E’ un dolcificante naturale ricco di oligoelementi (potassio, calcio, fosforo, sodio, magnesio, zinco, vitamine del gruppo B e manganese);
  • Contiene l’inulina che consentono un lento assorbimento degli zuccheri nel sangue;
  • ha un indice glicemico basso ovvero pari a 35, secondo le Autorità Filippine, ma per mantenere il carico glicemico all’interno di valori che evitsno sbalzi di glicemia, non si dovrebbe consumarne più di 30 gr a pasto.
SCIROPPO D’AGAVE

Lo sciroppo d’agave si ottiene dalla linfa dell’Agave e si caratterizza per una consistenza non molto densa dal colore giallo paglierino; è insapore, ma è in grado di dolcificare il 25% in più dello zucchero bianco. Ma la caratteristica più importante è che ha un basso indice glicemico.

Ecco i principali vantaggi:

  • svolge un’azione re-mineralizzante, poiché contiene tanto calcio, magnesio, potassio e ferro;
  •  mantiene un IG più basso di altri zuccheri;
  • aiuta la dieta favorendo il senso di sazietà;
  • aiuta il sistema immunitario poiché le alte percentuali di vitamine lo rafforzano;
  • nemico dell’osteoporosi in quanto la quantità di calcio contenuta in esso aiuta a combatterla;
  • amico dell’intestino infatti l’inulina e le fibre, contenute nello sciroppo, lo proteggono facilitando la digestione e aumentando la flora batterica.

(Fonte: Viversano)

STEVIA

La Stevia arriva dal sud America e ha un’enorme capacità dolcificante. I principi attivi si estraggono principalmente dalle foglie seccate e disidratate.

Per 100 grammi di Stevia si ha un apporto di 0% di calorie, 0% di proteine, 0% di grassi.

Questo dolcificante naturale sembra non avere controindicazioni particolari; tuttavia il suo uso e consumo deve restare limitato alle dosi giornaliere consentite, pari a 4 mg per peso corporeo.

E POI, POI…

Il mondo dei dolcificanti è ampio e variegato: lo sciroppo d’acero ricco di potassio, vitamine del gruppo B ; il malto d’orzo, lo sciroppo di riso o lo sciroppo di mais che contengono amminoacidi, potassio, sodio e magnesio.

Noi ne abbiamo raccolti solo alcuni ma la gamma non si esaurisce qui. Ora tocca a voi scegliere quale più vi piace. Quello che consigliamo noi è LESS IS MORE! 😉